Sweet Seeds

In questa stagione 2015 celebriamo il nostro decimo anniversario dalla fondazione di Sweet Seeds. Molti cambiamenti si sono verificati sulla scena cannabica durante questi dieci anni. Vogliamo approfittare di quest’occasione per dare uno sguardo indietro nel tempo e festeggiare con tutti voi questi dieci anni di vita.

Sweet Seeds esordisce pubblicamente sulla scena cannabica durante la 1º Expocannabis svoltasi nella Cubierta de Leganés (Madrid) nel 2005. Ci siamo recati a questa prima fiera cannabica con 1200 semi femminizzati delle nostre prime tre varietà da regalare agli utenti del Cannabiscafe, associazioni e aziende del settore, e una lettera di presentazione spiegando quanto facessimo.

1ª RIVOLUZIONE GENETICA: I SEMI FEMMINIZZATI
Nell’anno 2005 il mercato dei semi di cannabis era monopolizzato dai banchi olandesi che sorsero a metà e alla fine degli anni ’80. I semi che si vendevano erano principalmente semi regolari che producevano molti maschi, femmine ed ermafroditi. Senza sminuire il lavoro dei pionieri olandesi con i semi regolari, che Sweet Seeds riconosce e ammira, in quell’epoca i semi femminizzati olandesi non avevano una buona fama tra i coltivatori di cannabis del mondo intero. Il motivo principale era l’alto numero di piante ermafrodite che apparivano in quei primi semi femminizzati che iniziarono a commercializzare, a partire dal 2000, i pochi pionieri olandesi che scommisero su questo tipo di genetiche senza maschi. L’apparizione di genetiche femminizzate di qualità molto alta, molto resinose e aromatiche, libere da maschi ed ermafrodite costituì le basi per l’inizio di una rivoluzione genetica, protrattasi fino ai nostri giorni, che trasformò profondamente il mercato dei semi di cannabis. La percentuale di ermafroditismo nei nostri semi è stata e continua ad essere aneddotica, inferiore all’1/1000, e sempre conseguenza dello stress ambientale.

RECUPERO DELLA FIDUCIA DEL PUBBLICO
Quando nell’anno 2005 presentammo le nostre prime tre varietà femminizzate, Black Jack® (SWS01), S.A.D. Sweet Afghani Delicious S1® (SWS02) e Sweet Tai® (SWS03), erano già state realizzate prove di discendenza con centinaia di individui e i semi erano stati testati da numerosi collezionisti e amici cultori di cannabis. 
Produciamo i semi commerciali fotodipendenti (non automatici) utilizzando sempre le stesse parentali (cloni d’élite selezionati della nostra banca di madri), in questo modo possiamo assicurare qualità e stabilità. Siamo orgogliosi di aver contribuito, insieme ad altre banche del seme spagnole, all’aver reso i semi femminizzati i preferiti dai cultori di cannabis del mondo intero. Dieci anni fa anche i semi femminizzati hanno dovuto superare molte fandonie e leggende urbane prive di alcuna base scientifica. Il tempo e l’esperienza di migliaia di cultori di cannabis hanno messo a tacere tutti questi miti.

SEMI FEMMINIZZATI PIÙ ACCESSIBILI ED ECONOMICI 


Prima dell’entrata in scena di Sweet Seeds, i semi di cannabis erano venduti in pacchetti contenenti un minimo di 10/15 semi. Inoltre, i pochi semi che era possibile trovare sul mercato erano molto cari. Il prezzo che si doveva pagare per la versione femminizzata era pari al 100% o più del valore di un seme regolare. Nel 2005 il seme femminizzato più economico che si poteva acquistare in Europa costava 11€ ed era contenuto in un pacchetto di 10 semi del valore di 110€. Per facilitare l’accesso dei nostri potenziali clienti a diverse varietà femminizzate, decidemmo di confezionare i semi in pacchetti da 3, producendo una notevole riduzione del prezzo di acceso ad una delle nostre varietà. Inoltre, le nostre prime tre varietà furono lanciate sul mercato ad un prezzo per seme pari a più del 50% in meno rispetto al seme femminizzato più economico che potesse trovarsi fino a quel momento. L’eccellente rapporto qualità-prezzo dei nostri semi è stato sin dall’inizio uno dei nostri principali segni di riconoscimento.

L’AROMA E IL SAPORE
Le prime banche del seme olandesi e i primi creatori di cannabis americani e canadesi concentrarono i loro sforzi sulla produzione di semi con alto livello di cannabinoidi, abbondante quantità di resina, alta densità dei germogli, facile coltivazione, e soprattutto selezionando quei caratteri che potevano adattarsi meglio ai requisiti della coltivazione indoor con luce artificiale. Dal nostro inizio come collezionisti di genetiche, abbiamo focalizzato i nostri sforzi sulla selezione di genetiche con eccezionali qualità organolettiche. Per noi il sapore e l’aroma sono importanti tanto quanto i livelli di cannabinoidi, la quantità di resina o altri caratteri desiderabili. Nella stessa maniera in cui al momento di scegliere un buon vino non notiamo solo i livelli di alcol ma piuttosto le sue qualità organolettiche, anche nella scelta di una genetica di cannabis prevalgono le sue qualità di aroma e sapore, oltre che gli alti livelli di cannabinoidi, l’alta produzione e altri caratteri desiderabili.

2ª RIVOLUZIONE GENETICA: I SEMI AUTOFIORENTI

Alla fine del 2007 iniziammo i primi esperimenti con alcune curiose genetiche dalla fioritura non dipendente dalle ore di luce ricevute, queste genetiche fioriscono in maniera automatica quando raggiungono la maturità sessuale ed iniziano a esser visibili i primi fiori, a partire dal 21º giorno dopo la germinazione dei semi e l’apparizione delle prime foglie tonde (cotiledoni).

Così come successe nei primi anni con i semi femminizzati, questo tipo di genetiche nel 2007 non avevano una buona fama ed erano disprezzate dalla maggior parte dei cultori di cannabis e produttori principalmente perché le genetiche primitive di Cannabis Ruderalis, dalle quali procedono i geni di autofiorenti, producevano poca resina e la resina aveva livelli bassissimi di cannabinoidi, inoltre, il sapore e l’aroma erano sgradevoli. Noi di Sweet Seeds ci rendemmo conto rapidamente della grande utilità che potevano acquisire i

geni di autofiorenti di queste piccole varietà introdotte negli eccellenti cloni élite della nostra banca di madri. Delle genetiche autofiorenti primitive ci interessavano solamente i geni responsabili della fioritura automatica. Uno dei principali vantaggi che apportano queste genetiche dalla fioritura automatica ai cultori di cannabis è la possibilità di far fiorire piante di cannabis, in coltivazioni outdoor, in qualsiasi momento dell’anno. Altro vantaggio importante è la fioritura rapida di queste genetiche, che producono germogli perfettamente formati e zeppi di resina aromatica a solo due mesi dalla germinazione del seme; la piccola statura di queste genetiche unite alla fioritura fuori stagione e al rapido ciclo vitale le trasforma in piante molto discrete.

Nell’anno 2009 presentammo le nostre prime tre varietà femminizzate e autofiorenti, la Speed Devil Auto® (SWS11), la Big Devil Auto® (SWS15) e la Fast Bud Auto® (SWS16). Gli affezionati alla coltivazione di cannabis seppero approfittare immediatamente dei vantaggi che offrivano queste nuove varietà dalla fioritura automatica. Queste prime varietà autofiorenti servirono come materiale di partenza per introdurre i geni di autofioritura nelle nuove varietà, ibridizzando con cloni élite della nostra banca di madri. Apparvero nuovi aromi inediti fino a quel momento in varietà autofiorenti, e in ogni ibridazione con cloni élite della nostra banca migliorava la produzione di resina, l’aspetto dei germogli, i livelli di cannabinoidi, e altri caratteri desiderabili.

F1 FAST VERSION, RED FAMILY E AUTOFIORENTI XL

Quando ibridiamo una genetica autofiorente con un clone élite fotodipendente per creare una nuova genetica autofiorente, la prima generazione di questo incrocio, conosciuto in genetica come Ibrido F1, è 100% fotodipendente; non appare nessun individuo autofiorente. Questo succede perché il gene promotore dell’autofioritura è recessivo, saranno necessarie ulteriori due genetiche di selezione e incroci per fissare al 100% della popolazione, il carattere di autofioritura. Creando nuove varietà autofiorenti osservammo che questo ibrido F1 fotodipendente presentava una fioritura più rapida di quanto sperato, riducendo a 1 o 2 settimane il tempo di fioritura e maturazione dei germogli. Per quanto riguarda la fioritura, il clone élite apporta all’ibrido F1 il carattere fotodipendente al 100% della popolazione, e la genetica autofiorente apporta all’ibrido F1 una fioritura rapida al 100% della popolazione. Per approfittare di questa caratteristica di fioritura rapida nelle varietà fotodipendenti, nell’anno 2013 presentammo una nuova linea di semi che battezzammo “F1 Fast Version”, che introduceva versioni dalla fioritura rapida di alcuni classici del catalogo di Sweet Seeds.

Nella stagione 2013 presentammo inoltre una nuova, esotica e appariscente famiglia di genetiche autofiorenti dal fiore rosso che battezzammo con il nome di “Red Family”; il carattere rosso dei fiori di queste varietà è stato estratto da genetiche dal fiore rosso provenienti dalla regione del Chitral, nell’Hindú Kush Pakistaní. Ci siamo sforzati di aumentare progressivamente la taglia di tutte le nostre autofiorenti e abbiamo sviluppato alcune varietà autofiorenti considerate di taglia alta come la Big Devil #2® (SWS20), la Big Devil XL Auto® (SWS28) e la Cream Mandarine XL Auto (SWS55).

NOVITÀ 10º ANNIVERSARIO
In questa stagione continuiamo con la nostra ri-evoluzione delle autofiorenti e presentiamo due nuove varietà di questo tipo: la SWS55 (Cream Mandarine XL Auto®), versione taglia alta della nostraSWS29 (Cream Mandarine Auto®) e la SWS56 (Killer Kush Auto), versione autofiorente della nostraSWS52 (Killer Kush F1 Fast Version).

Nella passata stagione 2014 abbiamo presentato il nostro pacchetto “Sweet Mix Auto” con l’intenzione di offrire semi autofiorenti di qualità superiore a un prezzo economico e adeguato all’attuale periodo di crisi, per completare la nostra offerta di semi economici di alta qualità, in questa stagione 2015 presentiamo un nuovo pacchetto “Sweet Mix Femminizzate” con un mix di 10 semi scelti a caso tra tutte le varietà fotodipendenti di Sweet Seeds. Questi pacchetti “Mix” sono disponibili al prezzo di 35€, il seme viene a costare 3,5€, probabilmente i semi femminizzati di alta qualità più economici del mercato.

Pensando agli acquisti collettivi di semi e alle associazioni di cannabis, abbiamo il piacere di presentare per questa nuova stagione, nuovi pacchetti in formato da 25 e 100 semi di alcune tra le varietà più conosciute di Sweet Seeds. Le varietà che saranno disponibili in questo formato sono: laSWS04 (Cream Caramel®), la SWS22 (Cream Caramel Auto®), la SWS28 (Big Devil Auto®) e la SWS14 (Green Poison®). Tutti i pacchetti da 25 semi hanno un prezzo di 100€, e tutti i pacchetti da 100 semi 350€.

PROMOZIONE 10º ANNIVERSARIO 3+1 o 5+2!
Per festeggiare con tutti voi quest’anniversario abbiamo preparato un’offerta speciale con tutte le nostre varietà. Durante questa promozione “speciale 10º Anniversario” tutti i pacchetti da 3 semi conterranno 1 seme gratis, e tutti i pacchetti da 5 semi conterranno 2 semi gratis. 
Potete consultare la durata di questa promozione sul sito internet WWW.SWEETSEEDS.ES.